Logo

 

Pistacchio Valle del Platani, inizia la raccolta delle gemme di smeraldo della Valle del Platani.

L’associazione Pistacchio Valle del Platani comunica che è iniziata ufficialmente la raccolta della preziosa gemma di smeraldo verde della Valle del Platani, o meglio conosciuta come il PISTACCHIO VERDE DELLA VALLE DEL PLATANI.

 

pistacchio sicilia

Il Presidente dell’Associazione Pistacchio Valle del Platani vuole precisare che lo Smeraldo e il pistacchio della Valle del Platani, anche se sono due elementi naturali differenti, hanno delle qualità in comune, le più esaltanti sono: il colore verde intenso e deciso da sempre simbolo del potere e delle personalità forti, i molti effetti benefici al cuore, i molteplici utilizzi e l’univocità in tutto.

pistacchio sicilia

Finalmente dopo un anno di lavoro, e dopo aver partecipato con il GAL dei MONTI SICANI alla vetrina mondiale dell’ EXPO 2015, dove il Pistacchio Valle del Platani nel Cluster Bio Mediterraneo, ha contornato, ornato, condito e dato la particolarità del gustoso del pistacchio a diversi piatti che sono stati apprezzati dai tanti visitatori, complimentandosi del buon gusto e dell’ottima qualità. Con tanta attesa e gioia inizia la festa del raccolto che si concludere con l’ultima fatica di tutti i sacrifici fatti. Festa perché dopo un anno di lavoro si va in campagna finalmente a raccogliere il tanto atteso Pistacchio, un momento che tutto il mondo culinario e di trasformazione alimentare ha atteso con grande pazienza per un anno intero. Le famiglie e tutti coloro che vivono nell’entroterra Agrigentino e precisamente nella Valle del Platani, tutti dico tutti dalle nonne alle mamme e anche le prestigiose aziende di trasformazione della Provincia di Agrigento aspettano il raccolto per poter fare una scorta del prezioso smeraldo, per poi esibire le molteplici pietanze e dolci tipici, come di consueto i primi acquirenti del prezioso Pistacchio Valle del Platani sono le famose pasticcerie del nostro territorio i quali a parte essere dei buoni pasticceri, usando ottimi prodotti come il nostro PISTACCHIO VALLE DEL PLATANI, che rende i loro prodotti i più buoni e unici.

pistacchio siciliaQuest’anno la raccolta a causa del clima decisamente caldo, ha fatto si che il Pistacchio maturasse prima del dovuto periodo, che di norma è il mese di Settembre, l’anticipo della maturazione del prodotto non ha precluso ne la bontà ne la qualità del Pistacchio ma ha fatto si che sia un prodotto di ottima qualità. In fatti i produttori e le aziende associate nelle note di comunicazione all’associazione riferiscono che il prodotto di quest’anno è un prodotto sano e decisamente gustoso con una ottima qualità. Da sempre nella bella Valle del Platani la raccolta del pistacchio avviene a mano scuotendo con maestria e attenzione i rami, facendo si che il frutto cade su grandi teli appositamente stesi sotto le piante, e successivamente vengono posti all’ombra per evitare il surriscaldamento del prodotto, in attesa che a fine della giornata stessa viene praticata la scrucchiulatura  del prodotto appena raccolto, o meglio viene tolta la buccia che risulta essere al tatto delicata e vellutata, ottenendo cosi il conosciuto pistacchio in guscio, detto tigniusedda che viene messo con maestria in appositi tendoni stesi al sole per la giusta e naturale asciugatura. Asciugatura ottenuta da una grande esperienza del più anziano della famiglia, che provvede in particolari momenti della giornata e con particolare tecnica a muovere i frutti facendo si che vengano raggiunti uniformemente dai raggi solari, in modo da mantenere un colore verde smeraldo e un gusto deciso, mantenendo integre tutte le proprietà e le caratteristiche del frutto. Questa tecnica usata oggi come nei millenni passati, rende gli spazzi piani e soleggiati delle aziende unici e caratteristici con una pavimentazione del tutto insolita nel restante periodo dell’anno. Dopo l’asciugatura una crescente percentuale di pistacchio viene sgusciata, inizialmente con metodi rudimentali ponendo su un piano una pietra piatta detta “la valatedda” che presenta delle naturali scanalature come se fatti di proposito a misura del Pistacchio e con una pietra più piccola detta “mazzotta” gli si batte sopra e successivamente vengono separati i gusci dai semi, ottenendo cosi “landrita”, o meglio la gemma di smeraldo della Valle del Platani.

 


Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Translate »
Area Riservata
Login - Webmail
89 richieste elaborate e caricati in 0,318 secondi.